Il Portogallo in Massachusetts

Influenza lusitana a New Bedford

Sin dal 17° secolo New Bedford ha accolto immigranti: é una città che si é forgiata sulla diversità dei suoi residenti. Come fiorì l’epoca della baleneria, la necessità di marinai per le baleniere influenzò il carattere etnico di New Bedford.  Intorno agli inizi del 1800 un numero maggiore di balenieri dalle Azzorre e da Capo Verde – isole del Portogallo – si unì ai marinari delle barche e velieri di New Bedford ed iniziò a risiedere in città.

Più tardi, come altre città d’America, New Bedford divenne in centro industriale del 19° secolo, attirando un flusso migratorio di gente che cercava lavoro e sostegno dalle difficili condizioni di vita del proprio paese. Benché solo il 14% della popolazione cittadina fosse straniera nel 1865, lo sviluppo dell’industria tessile portò nel 1900 al suo incremento fino al 40%, attirando portoghesi dalla terra ferma e dalle isole, in particolare Madeira. Giunsero a New Bedford verso il 1870 per lavorare nelle fabbriche, unendosi ai primi emigranti delle Azzorre e di Capo Verde e facendo della comunità portoghese, la più numerosa culturalmente della città, ancora oggi.

Oggi oltre il 55% della popolazione di New Bedford ha ascendenze portoghesi. La storia di questa comunità appartiene anche alla tradizione della baleneria. Gli immigranti portoghesi che giunsero a New Bedford erano originari di quattro zone specifiche:

  • Dalle Azzorre, nove isole dell’Atlantico legate al Portogallo.
  • Da Madeira, cinque isole s sud-est delle Azzorre, a nordovest dell’Africa, sempre territorio del Portogallo.
  • Dalle isole di Capo Verde, di fronte alle coste del Senegal, territorio che fu del Portogallo.
  • Dal Portogallo.

Benché le quattro zone condividano la lingua portoghese e la storia, ognuna ha le proprie tradizioni distinte nonché usi e costumi.

Tre sono le ondate migratorie portoghesi a New Bedford:

1) Tra 1800 e 1870:  la prima significativa dopo il 1800, arrivò dalle Azzorre. In cerca di opportunità economiche o per sfuggire al servizio militare, lasciarono le isole in qualità di marinai a bordo di baleniere Yankee e si stabilirono a New Bedford. Gli isolani di Capo Verde cominciarono ad arrivare dopo il 1850. Una parte significativa della popolazione discendeva da coloni bianchi portoghesi e schiavi neri africani e parlava un dialetto conosciuto “crioulo” o “caboverdeano” .

2) 1870-1924: residenti di Madeira e del Portogallo si unirono agli isolani delle Azzorre sempre in cerca di opportunità nelle emergenti industrie, specialmente nelle fabbriche di cotone di New Bedford.

3) 1958-ad oggi: l’immigrazione portoghese rallentata tra il 1917 ed il 1924, riprese – nonostante le nuove leggi per le restrizioni migratorie – a causa della devastazione causata dalle eruzioni vulcaniche. Oggi nuove leggi hanno frenato l’immigrazione portoghese significativamente.

L’influenza portoghese nella baleneria americana fece degli immigrati dalle Azzorre e da Capo Verde usati nel duro lavoro, gente richiesta sulle baleniere. Molti marinai portoghesi del New England e delle isole furono impiegati a bordo di vascelli americani durante il 19° secolo.

Verso il 1860 toccavano il 60% della ciurma delle baleniere. Spesso erano disponibili ad accettare le paghe più basse per un viaggio di baleneria, pur di lasciare le proprie isole e diventare Americani. Similarmente ai marinai afro-americani potevano assumere posizioni di capitano o di assistente, ma gli armatori Yankee delle navi difficilmente lo consentirono. Ciò nonostante un buon numero di immigranti portoghesi divenne proprietario di baleniere.

Alla svolta del secolo fino a quando cessò la baleneria nel 1920, i capitani portoghesi e la ciurma furono una forza dominante nell’industria della baleneria.

Come gli immigranti portoghesi si stabilirono a New Bedford, costruirono la propria distinta comunità, creando i propri gruppi sociali e di fratellanza, le proprie scuole, giornali ed esercizi commerciali. Contribuirono con servizi pubblici ed attività culturali dell’intera comunità di  New Bedford.

New Bedford intrattiene relazioni di gemellaggio con le città di Horta, Fayal, nelle Azzorre, mentre  Dartmouth é legata alla città delle Azzorre di Povoacao, Saint Michael.

CHIESE

La parrocchia di St. John the Baptist fu fondata nel 1871 ed è la più antica parrocchia portoghese d’America e la seconda più antica parrocchia cattolica di New Bedford. E’ stata chiusa nel Novembre 2012. Il suo architetto é Matthew Sullivan di Boston, che ha armonizzato stili Bizantino e Romanesco Portoghese in questa grande struttura che serviva una crescente comunità d’emigranti.

La chiesa di Sant’Antonio da Padova a New Bedford celebra di fatto il santo Portoghese nato a Lisbona nel 1195, che si unì all’ordine francescano nel 1221 rispondendo alla richiesta di San Francesco nell’istruire l’Ordine allo studio ed alle scritture. Morì nel 1231 in Italia, ma é un santo portoghese, patrono di Lisbona, che intercede nella cause perse e negli oggetti smarriti. La chiesa a New Bedford fu fondata nel 1895, nominata Parrocchia di Sant’Antonio da Padova poiché in quell’anno incorse il 700° anniversario della nascita del santo.