I Fari del Massachusetts

Alloggiare in un faro

Una vacanza durante la bella stagione, da primavera all’autunno inoltrato, consente il contatto diretto con l’Oceano Atlantico e la scoperta delle tradizioni marittime e marinare dello Stato del Massachusetts.

Chi cerca pace e tranquillità, le brezze marine ed il rumore delle onde, può scegliere tra una manciata d’opportunità in due distinti punti della costa, a Nord di Boston sulla costiera resa famosa dalla “Tempesta Perfetta”, ed a Cape Cod la penisola a forma di braccio piegato a gomito, protesa nell’Atlantico a sud dello Stato. Benché i fari abbiano perso la loro importanza originale – guida ai vascelli tra le scogliere rocciose, banchi di sabbia e forti correnti marine – la loro storia e bellezza li rendono oggi monumenti costieri, che esaltano il paesaggio che li circonda.

A Nord di Boston sorge Cape Ann, una punta di scogli e rocce affacciata sul mare e luogo migliore ove effettuare escursioni per avvistare le mitiche balene del Massachusetts. Gli ingredienti per una scorpacciata di mare ci sono tutti: villaggi di pescatori, porticcioli ed insenature ove si celano le classiche golette, nasse e reti per le pesca di astici e merluzzi, taverne di mare e locande ove si gusta il pescato fresco secondo le classiche ricette del New England. A largo di Cape Anne si trova Thacher Island  sede del Cape Ann Light Station chiamato anche Twin Lights, l’unico faro che è composto di due torri gemelle che fanno da vedetta a questa zona di mare. Si tratta di un’isola di 20 ettari circa, riserva naturale, raggiungibile con tre ore di barca dalla terra ferma. L’isola continua a vivere grazie all’iniziativa di alcuni sostenitori che stanno accuratamente ristrutturando alloggi per accogliere fino a sei persone. Si prevede l’apertura per il 2006, con prezzi modici, da 150$ a notte per due persone, per un minimo di due pernottamenti. I ragazzi sono accolti gratuitamente con i genitori. Esiste anche un campeggio molto primitivo per soli 5 $ a notte, per persona, disponibile dal 1° Giugno al 15 Settembre.

L’altra opportunità è offerta da al largo del villaggio di Chatham, ove è dislocato il Monomoy Lighthouse sull’omonima isoletta di South Monomoy. Il faro porta il nome nativo Algonchino di Monomoy, che significa “rapido movimento dell’acqua” e risale al 1849, ma non è più operativo poiché fu disattivato nel 1923; è in mattoni a forma cilindrica, con una lanterna rossa e nera. E’ stato restaurato nel 1988. La casa del guardiano è rustica, in legno, risale al 1849, ha due piani come nello stile classico di Cape Cod, ma senza acqua ed elettricità. S’invitano gli ospiti a fornirsi di sacco a pelo per i materassini gonfiabili. La cena e la colazione sono preparate dalla guida su una stufa Coleman. Qui sono disponibili tre camere, per la stagione estiva fino a Settembre. Non sono accettati i bambini sotto i 12 anni. La quota per il pernottamento è di 200$ ed include anche il trasferimento in barca dalla terra ferma, la guida, i pasti. Il tragitto in barca dura 45 minuti, ma una volta arrivati gli ospiti si devono premurare di trasportare il proprio bagaglio per circa mezzo miglio, camminando sulla sabbia. Il faro è parte dalla U.S. Fish & Wildlife Service sorgendo, infatti, sull’isola riserva naturalistica, Monomoy National Wildlife Refuge, area rifugio dell’avifauna. Se non siete amanti di birdwatching, né tanto meno appassionati di fari, non c’è francamente altro motivo per raggiungere Monomoy Light. (Tel.:001.508/945.0594)

Sempre sulla penisola del Cape, sulla sua punta estrema, Provincetown sorge Race Point Lighthouse che dispone di tre camere al primo piano della casa del guardiano del faro, disponibili per ospiti che intendano trascorrevi una vacanza. Il guardiano dorme al pian terreno. Cucina e Toilette funzionano grazie al sistema di pannelli solari. Non sono accettati animali e la quotazione della sistemazione in doppia oscilla tra i 145 ed i 185 $, a discrezione del periodo. Il soggiorno è possibile fino a metà ottobre. Race Point risale al 1816; solo nel 1840 fu costruita la casa del guardiano, quindi abbattuta e ricostruita nel 1877 aggiungendovi anche una cisterna d’acqua. Un tempo vi risiedevano tre guardiani con le proprie famiglie ed i bambini percorrevano almeno cinque chilometri a piedi per andare a scuola ogni giorno. Nel 1930 il guardiano James Hinckley rese la vita più facile trasformando una Ford in una “dune buggy”. Nel 1957 arrivò la corrente elettrica a Race Point e la casa fu modernizzata, il faro automatizzato ed il segnale per la nebbia fu attivato grazie all’energia solare e non più con la campana. La casa del guardiano fu abitata per oltre vent’anni, fino a quando anche la Guarda Costiera fu sostituita dal segnale attivato con energia solare.

Nel 1995 il faro fu ceduto alla New England Lighthouse Foundation, che come per altri fari del New England si adoperò per mantenerlo ricostruendo il tetto ed il comignolo della casa del guardiano. Il mastro carpentiere Richard Davidson curò interni ed esterni, mentre alcuni volontari terminarono i lavori di restauro ed appuntarono quattro camere per i soggiorni al faro.

Un mistero curioso accadde nel 1996: una bandiera americana apparve issata sul pennone per un breve periodo, probabilmente issata da un benefattore sconosciuto. Dopo una brutta tempesta la bandiera si strappò e fu sostituita misteriosamente da una nuova. Ancora oggi questa bandiera è issata durante la stagione, dando il benvenuto agli ospiti che giungono a Race Point. Il faro è attivo ed assiste i naviganti, ed è gestito dalla Coast Guard. Il The Cape Cod Chapter fof American Lighthouse Foundation mantiene sia la struttura sia il suo terreno circostante.

 

Chi propende per una vacanza in libertà e vuole avere un faro tutto per sé sceglie Wing Neck Lighthouse, con la sua incredibile ed unica storia di faro del Cape. Un tempo US Coast Guard Lighthouse, fu messo all’asta nel 1940 ed acquistato da Frank ed Irene Flanagan. Ancora oggi si erge sulla punta di Wings Neck, nella cittadina di Pocasset a Cape Cod. La torre è esagonale, in legno. Per anni questo faro fu considerato tra i più importanti sulla costa atlantica, poiché regolava il traffico intenso di navi che transitavano nella Buzzard Bay verso i porti di Wareham e Sandwich. La casa del guardiano offre una vista magnifica da ogni sua finestra, in ogni camera, sull’Oceano Atlantico. A pochi passi dall’acqua, le rocce fanno di questo faro un quadretto tipico del New England. La casa è situata ad ovest ed offre spettacolari tramonti. E’ stata interamente restaurata nel corso del 2003 ed è disponibile tutto l’anno per affitti brevi o prolungati, adatta per ospitare almeno otto persone, con tre camere al primo piano ed una possibilità di divano letto a pian terreno. Completa di bagni e doccia, una cucina ampia con confortevoli elettrodomestici, mobilia per l’esterno per cenare all’aperto, con la possibilità del BBQ. Conta anche sulla sua piccola spiaggia privata e la cittadina di Pocasset dista solo cinque chilometri, con alcuni negozi d’alimentari ed alcuni ristoranti.

Infine un vero e proprio Inn è stato effettivamente ricavato da un faro costruito nel 1855, con fondamenta in mattone ed ancora attivo nell’assistenza ai naviganti. Si trova a West Dennis nel Bass River Harbor a Cape Cod. Si tratta del Lighthouse Inn che ovviamente è gestito da privati. Da anni ormai una famiglia gestisce il faro, trasformato in “inn” con ristorante durante gli anni ’70. E’ l’unico faro privato del paese, con un flash di luce ogni sei secondi ed è conosciuto come West Tennis Light.  Diverse le soluzioni abitative proposte dal Lighthouse Inn, aperto tutto l’anno.