Esperienze gastronomiche

BOSTON

Un the nella più antica Biblioteca d’America : I veri Bostoniani sanno che ogni mercoledì, giovedì e venerdì nell’ edificio Mc.Kim della Boston Public Library si serve il the pomeridiano accompagnato da squisiti sandwich, pasticcini e scone, con veduta nella corte interna in stile Italianate, presso il COURTYARD RESTAURANT. 

SOMERVILLE: un bar con cocktail speciali : a ridosso di Cambridge, nel quartiere emergente di Somerville, c’è il BACK BAR.Difficile forse trovare la porta d’accesso di questo locale che serve cocktail sulla famosa Union Square. Si percorre un corridoio che conduce ad una porta rossa, che oltrepassata svela uno spazio industriale ove si servono alcun tra i migliori cocktail artigianali di Boston!

Cucina contemporanea Ebraica a BOSTON: per una nuova esperienza gastronomica nel mondo della cucina Ebraica contemporanea si cena da KITCHEN KIBITZ a Boston. Diversi chef Bostoniani creano nuovi gusti con ricette antiche della tradizione. Il biglietto per quest’esperienza unica s’acquista in anticipo, poiché l’iniziativa riscontra grande successo!

Interessanti e golosi sono i BOSTON FOODIE TOURS cheboston foodie logo offrono divertimento ed uno sguardo sulla migliore ristorazione, includendo i vincitori del Best of Boston, James Beard Award,  i celebrity chef e le istituzioni culinarie. Le guide di questi tour culinari non solo “love food” ma lo conoscono molto bene, poiché laureati alla Boston University’s Gastronomy Program fondato da Julia Chld e Jacque Pepin, oppure laureati alla Cambridge School of Culinary Arts. Tante le varietà di tour disponibili, scegliendo specifici quartieri di Boston; da Giugno ad Ottobre, da un minimo di 2 fino ad un massimo di 4 ore.

The Boston Public Market : aperto a Luglio 2015, è duna vera istituzione pubblica; un progetto che ha visto l’unione e partnership tra la Boston Public Market Association, donazioni di individui ed aziende, fondazioni, la Municipalità di Boston ed il maggiore fondatore di questo seme prezioso, il Commonwealth of Massachusetts. La The Boston Public Market Association è not­for­profit. Si tratta di  un vibrante mercato che consente alla gente di tutte le origini di assaggiare, acquistare e capire il proprio cibo, dalla sua nascita a come è fatto, ai suoi valori nutrizionali, al suo impatto nel nostro ambiente e – naturalmente – come prepararlo per presentare deliziosi piatti che uniscano amici e famiglie. È l’unico mercato di questo genere negli USA, locale, auto-sostenibile con prodotti freschi del territorio portati direttamente dalle diverse genti che costituiscono la comunità del Massachusetts e del New England.  Offre chioschetti di venditori ambulanti ed una nuova zona di Public Market al chiuso, aperta tutto l’anno e disposta su 8.500 mq con 45 venditori permanenti, oltre ad un mercato esterno che può ospitare ulteriori 20 venditori sul piazzale all’aperto. Il Public Market di Boston mostra il meglio delle vivande stagionali del New England e consente al consumatore di comprare direttamente dai contadini locali, dai pescatori e dai vignaioli. Boston perpetua e rinnova una tradizione cittadina che nasce nel passato, due secoli e mezzo fa proprio con la realtà di Faneuil Hall che fu un mercato ed una zona per riunioni pubbliche nel centro della città, e nel cuore della sua vita civile. Costruito nel 1742 dal ricco mercante bostoniano Peter Faneuil, fu un dono alla città. Dimora di mercanti, pescatori, venditori di carmi e prodotti agricoli, Faneuil Hall fu anche piattaforma civile per molteplici famosi oratori Americani, Samuel Adams, George Washington, Oliver Wendell Holmes e Susan B. Anthony. Come crebbe il commercio agli inizi dell’800, si aggiunse lo spazio adiacente erigendo anche Quincy Market, un complesso che rimase attivo e diventò hub commerciale fino al 20° secolo. Ma verso gli anni ’50, con il sistema alimentare centrato per lo più sulla distribuzione interstatale e delle grandi catene, gli edifici caddero in disuso. Negli anni ’70 un gruppo di impegnati bostoniani decise di riportare in vita il vecchio mercato, creando il primo vero marketplace degli Stati Uniti, pur non riportando in vita il vecchio tradizionale mercato pubblico di Boston. Nel 2001 un gruppo di amanti del cibo, produttori di vivande e autorità civiche della Città e dello Stato si riunì per iniziare una nuova storia: la Boston Public Market AssociationOggi Boston vanta almeno oltre venti mercati stagionali, farmer markets all’aperto, di cui due importanti sulla Copley Square e lungo la Rose Kennedy Greenway a Dewey Square. Ma la città sentiva la mancanza di un mercato centrale tutto l’anno. Cittadini, gruppi della comunità, ristoratori ed agenzie governative hanno quindi espresso entusiasmo per una location a Boston che potesse servire quale low-cost outlet ai contadini del Massachusetts ed, al contempo, supportare l’imprenditoria alimentare. Studi eseguiti hanno dimostrato la sostenibilità del progetto, modellato sulle esperienze dei mercati aperti tutto l’anno a Seattle, San Francisco, Philadelphia e Montreal. Ed é così che nacque il Public Market a Boston; in una realtà ove c’é un fermento di cambiamenti urbani e rurali, questo mercato supporta la vendita dei prodotti di fattoria regionali, riduce il trasporto del cibo ed i costi energetici, diventa competitivo nei prezzi, offre nutriente cibo ai residenti della città, crea un punto focale nella comunità per prodotti del territorio. Si trova al 100 Hanover Street-fermata metropolitana MBTA Haymarket; aperto dal Mercoledì alla Domenica dalle 8 alle 20.